Elettrocoagulazione

Rottura emulsioni oleose

Introduzione sull’azienda

Azienda meccanica del nord-est Italia che si occupa di produzione di cingolati.

 

Obiettivi richiesti dall’azienda

L’azienda possiede due evaporatori, un depuratore chimico-fisico utilizzato per le emulsioni oleose esauste unite alle acque di lavaggio e tutta la sezione biologica completa. Il cliente ha grossi problemi in quanto il chimico-fisico ha degli abbattimenti di COD ed idrocarburi insoddisfacenti.
 

Problema

L’acqua in uscita dal chimico-fisico ha una riduzione del COD da 20000 a 5300 ppm e una riduzione degli idrocarburi da 1700 a 560 ppm. Si vorrebbe migliorare l’efficienza del processo.

Soluzione

Le prove preliminari di laboratorio e poi il test con impianto pilota hanno dimostrato che l’elettrocoagulazione riesce a raggiungere risultati nettamente migliori con un dispendio energetico minimo (2,5 KW/h). Il COD passa da 20000 a 2700 ppm, ma soprattutto gli idrocarburi scendono da 1700 a 56 ppm.

Conclusioni tecniche

Il cliente ha potuto valutare un reale vantaggio tecnico oltre che economico nell’adottare una tecnologia vincente sotto tanti punti di vista.

> VEDI IL FILMATO DEL TEST PILOTA