Elettrocoagulazione

Rimozione liquidi
penetranti fluorescenti

Introduzione sull’azienda

Azienda aerospaziale del nord-ovest Italia che si occupa di produzione di aerei militari.

 

Obiettivi richiesti dall’azienda

L’azienda smaltisce le acque contenenti i liquidi penetranti utilizzati nei test non distruttivi per materiali non ferrosi. Chiede di valutare un’alternativa allo smaltimento.
 

Problema

La presenza anche minima di coloranti fluorescenti nelle acque di risciacquo dei pezzi sottoposti ai test non distruttivi è in grado di colorare grandi quantità di acqua e rendere la rimozione del medesimo estremamente difficile, con conseguenti costi di smaltimenti molto elevati.

Soluzione

Le prove eseguite direttamente nei laboratori del cliente hanno permesso di dimostrare che l’elettrocoagulazione è in grado di separare il colore restituendo un’acqua perfettamente limpida ed incolore, riutilizzabile per i risciacqui, ed un fango che, al test della lampada di Wood, risulta fluorescente, evidenza della totale rimozione dell’inquinante.

Conclusioni tecniche

Il cliente ha potuto valutare un reale vantaggio tecnico oltre che economico nell’adottare una tecnologia vincente sotto tanti punti di vista.